Inizio con il proporre l’ultimo (ma contestualmente anche l’unico) acquisto effettuato che non rientra nella strategia Standard, in quanto puramente speculativo. Ogni tanto ci provo ancora, ma tendo a non esagerare per almeno due motivi:

  • non voglio rischiare troppo, visto che non sempre alla fine paga;
  • non voglio rischiare di inquinare il PORTAFOGLIO con operazioni non attinenti.

Vi chiederete: perché non se le tiene separate? Solo per comodità (ma confido di riuscire un giorno o l’altro a separare le due gestioni…).

Virgin Galactic è stata recentemente quotata al NYSE senza passare dal via, ossia senza un’IPO vera e propria. Nasce dalla lungimiranza di Richard Branson, fondatore dell’impero Virgin, che decide un bel giorno di crearsi un’azienda dedita all’offerta di voli spaziali suborbitali per il mercato commerciale. In pratica alla modica cifra di $250.000 è possibile farsi un viaggio ipersonico e sperimentare per qualche minuto un volo in assenza di gravità. Le implicazioni possono essere molteplici, non per ultimo il fatto di poter collegare due punti sul pianeta in tempi assai ridotti rispetto a normali voli di linea.

Rimando al sito Virgin Galactic e Wikipedia per curiosare.

Perché le ho prese nonostante non abbiano un centesimo di fatturato? Semplice, ho “fede” nel progetto, lo sposo e mi metto in modalità stand-by per qualche annetto… è una sorta di scommessa… vediamo se il tempo mi darà ragione.

Nel frattempo la conquista dello spazio è iniziata e potrebbe rivelarsi il business del futuro. Ne è esempio lampante l’esistenza di altre due realtà che stanno investendo molto nel settore: SpaceX di Elon Musk (Tesla vi dice qualcosa?) e Blue Origin di Jeff Bezos (Amazon vi dice nulla?).

Da un punto di vista operativo, le ho acquistate in 3 momenti differenti, il che un po’ denota la titubanza al rischio in questo periodo: praticamente ho fatto acquisti di modesta entità per timore di un buco nell’acqua, ma man mano che la fiducia cresceva, mi sono esposto un po’ di più. Con il senno di poi le avrei prese in un’unica soluzione, ma avrei dovuto ponderare un tantino meglio la decisione. Diciamo che mi sono lasciato trasportare un po’, ma ora ne sono convinto e consapevole.

Alla prossima!